Pavimento sopraelevato

Home / Pavimento sopraelevato
- Definizione
- Struttura
- Vantaggi
- Come progettare
- Dossier técnico
Pavimento sopraelevato


Definizion

Il pavimento sopraelevato è un sistema costruito per piastrelle identiche fra loro supportate da una struttura metallica composta da piedini regolabili in altezza e traversine che crea uno spazio tecnico libero.

Il sistema garantisce la flessibilità e l’accesso per la gestione degli spazi con innumerevoli vantaggi per la manutenzione e la modifica di nuove installazioni e/o postazioni di lavoro.

Struttura

È costituita da piedi in acciaio galvanizzato uniti fra loro da traversine e rivestito nella parte superiore da materiale plastico al fine di evitare qualsiasi rumore di attrito fra le parti.

I piedi sono composti da una base, un tubo e una testa e si possono regolare in altezza per livellare piccole differenze del suolo. Per livellare dislivelli maggiori si possono usare piedi con misure differenti.

Vantaggi

ALTEZZA VARIABILE: regolare l’altezza del pavimento in base alle necessità/possibilità di spazio
ACCESSIBILITÀ: Accedere sempre facilmente in qualsiasi punto con il solo aiuto di una ventosa
RAFFREDDAMENTO: Utilizzo dello spazio per far circolare aria e climatizzare le installazioni
FLESSIBILITÀ: Personalizzare il proprio spazio e modificarlo in base alle necessità senza il bisogno di modifiche strutturali.
SEMPLICITÀ: Ridurre i tempi di realizzazione degli edifici data la semplicità di installazione.

Come progettare

1 – Scegliere i prodotti da utilizzare come pavimento
2 – Prevedere una fuga fra i pezzi del pavimento compresa fra 4 e 7 mm.
3 – Modulare il pavimento rispettando il formato standard 60×60 (59,55×59,55 cm)
4 – Considerare un’altezza minima fra massetto e pavimento di 45 mm
5 – Inviare il progetto in formato CAD per verifica e preventivo .